lunedì 3 ottobre 2011

Recensione: Le emozioni difettose di Laurie Halse Anderson

E rieccoci qui amici cari!

Protagonista di questa nuova recensione un romanzo dal tema adolescenziale che uscirà in libreria solo il prossimo 5 ottobre per la mia carissima Giunti Y la quale, però, essendo io un Y Ambassador, me l’ha gentilmente inviato in anteprima. Grazie mille Giuntiiii!

Rullo di tamburi!


Titolo: Le emozioni difettose
Autore: Laurie Halse Handerson
C. E.: Giunti Y
Prezzo: 14.50 euro
Pagine: 304
Genere: YA

Trama: Kate Malone frequenta l’ultimo anno di liceo ed è bravissima in chimica. Ha fatto domanda di ammissione all’università più importante del paese e, in attesa della lettera di risposta, corre a più non posso, di notte e di giorno. Corre per punirsi, per annullarsi, per non sentire l’ansia e la rabbia che le aggrovigliano le viscere e per fuggire da quel dolore che ha il nome di sua madre, morta molti anni prima. Quando però la casa dei vicini viene distrutta da un incendio, Kate è costretta a fermarsi per affrontare con coraggio se stessa e una realtà del tutto inaspettata.


La mia opinione

Inizio subito con una confessione…

Non appena sono tornato a casa e ho trovato sulla mia scrivania una busta di piego di libri firmata Giunti mi sono catapultato ad aprirla, e non appena ho capito che si trattava di Le emozioni difettose mi sono catapultato nella lettura, preso dalla voglia di leggerlo.

Ma di cosa parla questo romanzo?

Kate è una ragazza con i piedi per terra. Orfana della madre da quando aveva nove anni, da allora si è sempre occupata della sua famiglia con un certo rigore, senza mai lamentarsi, e vivendo la vita con estrema tranquillità. Ciò, comunque, è accaduto anche perché Kate, quando accumula troppo stress, corre. Già, proprio così, esce per strada, si arrotola i calzini e si mette a confronto con chilometri e chilometri di strada. Ma ora Kate ha un desiderio, un desiderio che solo al cinquanta percento può realizzarsi, e lei è pronta a scommettere tutto e tutti sul fatto che ce la farà. Ma ci riuscirà? Accadrà qualche imprevisto?


Ed è così che la Anderson ci racconta questa splendida storia adolescenziale, così diversa dalla massa, così anticonformista che è difficile non odiare.

A narrare il tutto è Kate stessa che tra frasi secche, coincise, semplice e aggraziate ci trasporta nel suo mondo con estrema facilità.

I personaggi sono tutti molto ben caratterizzati.

Tutti a parte Sara, storica (e, diciamocelo, classica) migliore amica di Kate, che non viene per nulla caratterizzata, rimanendo una parte flaccida (che metafora!) nella storia.

Altra pecca che mi sento di sottolineare è la parte noiosa della storia.

Già, nonostante sia una storia profonda, vera, originale, nuova, ci sono quelle cinquanta pagine, a metà racconto, che mi hanno fatto sbuffare più di una volta, anche se poi tutto si riprende nell’ultimo terzo del libro, per me semplicemente spettacolare.

Per cui, visto che non ci sono schemi di serie e quant’altro, ecco il mio giudizio finale!


Consigliato agli adolescenti, che non potranno non amarlo (soprattutto a chi va a genio la chimica!)


Voto: 4 ½


Laurie Halse Anderson

Laurie Halse Anderson è nata a Potsdam (1961) e vive nello Stato di New York. Giudicata una delle dieci scrittrici YA più influenti e vincitrice di numerosi riconoscimenti tra cui il Margaret A. Edwards Award, ha al suo attivo più di 25 libri. Tra i più famosi, Speak – da cui è stato tratto il film con Kristen Stewart – e il suo più recente successo, Wintergirls, pubblicati nella Y Giunti.

Nessun commento:

Posta un commento