martedì 1 maggio 2012

Teaser Tuesdays [22]


Ciao a tutti amici!

Oggi, con il nuovo appuntamento di "Gocce d'inchiostro", ci dedicheremo alla splendida rubrica... Teaser Tuesdays!

Per chi non  la conoscesse, ricordiamo che è stata inventata dal Blog Should Be Reading ed è a cadenza settimanale.

Le sue regole sono molto semplici, ma la cosa più bella è che anche voi  lettori del Blog potete partecipare scrivendomi nei commenti e condividendo i vostri teaser!

Per cui, ecco le regole:

1. Prendi il libro che stai leggendo

2. Aprilo in una pagina a caso;

3. Condividi un breve spezzone di quella pagina

4. Attento a non fare spoiler!

5. Riporta anche il titolo e l'autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto.

Bene, cominciamo!


Da Shadowhunters. Città di cenere di Cassandra Clare


Anche dall'altro lato della strada vedeva esattamente cos'era: un'imponente cattedrale gotica le cui guglie trafiggevano il cielo blu come coltelli.
  Luke tacque. Dall'espressione del suo viso, era chiaro che dentro di lui aveva luogo una tacita lotta. Mentre salivano i gradini, Jace si infilò una mano nella camicia come d'abitudine, ma quando la tirò fuori era vuota. Rise senza alcuna allegria. «Dimenticavo. Quando me ne sono andato Maryse si è presa le mie chiavi.»
  «Si capisce.» Luke stava proprio davanti alle porte dell'Istituto. Toccò delicatamente i simboli intagliati nel legno, subito dopo l'architrave. «Queste porte sono identiche a quelle della Sala del Consiglio a Idris. Non avrei mai pensato di rivederle.»


(P. 61)






E voi? Lasciate pure il vostro Teaser!

6 commenti:

  1. "Quella notte ho sognato mia madre coperta da una lunga mantella con il cappuccio, una mantella rosa morbidissima, un po' seta, un po' cashmere. Me la stringeva attorno al corpo e piangeva. Le sue lacrime non erano salate, erano latte, scendevano per terra e inacidivano. Piangevo anch'io. Mio padre non c'era. C'era sul muro la sua ombra, piccola come uno gnomo, nervosa, che si muoveva continuamente. Mi sembrava che quell'ombra mi chiamasse, che urlasse di angoscia, che avesse bisogno di me. Io non potevo farci niente. Stavo lì, nel mantello di mia madre, con i piedi che mi affondavano nel formaggio."

    Carola Susani,
    "Eravamo bambini abbastanza" (pag. 34)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver commentato, Matteo! :)

      Elimina
  2. "Piangere nel mondo sottomarino è diverso che sulla terraferma. Le lacrime si dissolvono nell'acqua, mescolando il proprio sale con quello del mare. Si capisce che qualcuno sta piangendo soltanto dagli occhi. Qualsiasi sia il colore delle iridi, quando una sirena piange gli occhi diventano dello stesso colore delle scaglie. Per esperienza so che i miei diventano dorati, e quelli di Dosinia rosa acceso. Come gli anemoni in giardino." (Pag. 126 - Il bacio della sirena di Tera Lynn Childs)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io DEVO comprare questo libro, ragazzi *w*

      Elimina
  3. Un libro fresco ma molto carino, se vuoi passare da me ho appena pubblicato la recensione! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, Sara :) Tanto passo sempre da te >.<

      Elimina