giovedì 16 giugno 2011

Recensione: Black Friars. L'Ordine della Spada di Virginia de Winter

Ciao amici!

Oggi vorrei recensirvi un romanzo che ho da poco terminato di leggere, e che mi è particolarmente andato a genio.

Sto parlando di…

Rullo di tamburi!


Titolo: Black Friars. L’Ordine della Spada
AutoreVirginia de Winter
C. E.: Fazi Editore, collana Lain n. 73
Prezzo: 19,50 euro
Pagine: 678
Genere: Paranormal Romance Storico sui Vampiri

Trama: Uno scenario intriso di suggestioni ancestrali che riecheggiano fra i vicoli di una città medievale, affollata di esseri pericolosi e irresistibili. Una società inquietante, rischiarata dalla luce flebile delle candele, dove imperversano sette e confraternite che contaminano l’aria con il loro influsso malefico. Questo il mondo che Eloise Weiss si trova ad affrontare… Ma cosa nasconde questa giovane discepola della scuola di medicina? Perché un vampiro potente come Ashton Blackmore chiede proprio il suo aiuto? Eloise è il punto di unione fra i due mondi, l’unica in grado di arrestare l’avanzata del caos, persino a costo di mettere a repentaglio la sua intramontabile storia d’amore. Un romanzo che fonde le tinte fantasy e quelle romantiche, trasportando i lettori in una dimensione descritta nei minimi dettagli. La prima prova di un’autrice che farà innamorare le lettrici con i suoi personaggi, autentici eroi decadenti.


La mia opinione

Prima di cominciare faccio una breve premessa: leggere Black Friars. L'ordine della spada è stato un vero e proprio piacere. Per quel che mi riguarda si è trattato di un romanzo che ho agognato alla follia sin dalla prima volta in cui la sua cover e i miei occhi si sono incontrati, che ho amato durante la sua lettura e, soprattutto, che mi ha provocato parecchia nostalgia al suo termine.

Ora siamo pronti per addentrarci nella sua trama...

Secondo romanzo della
trilogia
Il tomo comincia catapultando il lettore nella notte del giorno di Ognissanti di un tempo non ben definito, unico momento dell'anno in cui le spietate e malvagie Creature del Presidio vengono lasciate libere nella Vecchia Capitale, città in cui è ambientata la storia. E proprio nella Vecchia Capitale vive Eloise Weiss, la nostra protagonista, la quale, nel giorno di Ognissanti, mentre sta ritornando in compagnia alla sua amica vampira Christabel nel collegio in cui studia, viene assalita da un nutrito gruppo di persone, che pensano sia una rediviva. Tutt'un tratto, però, Ashton Blackmore, un antico vampiro centenario, mette in salvo Eloise. Cosa vorrà mai costui dalla nostra eroina? E perché ha deciso di salvarla?

A raccontarci questa trepidante storia è la sublime penna di Virginia De Winter, che, con un particolarissimo stile dark e barocco, riuscirà a narrare egregiamente le vicende di Eloise & Co., avvincendo e divertendo il lettore.

L'ordine della spada è, però, un romanzo molto particolare ed originale, non solo per lo stile magnifico della sua autrice, ma anche per la sua trama: nuova, interessante e incredibilmente gotica, proprio come piace a me! Le vicende di Eloise, Ashton ed Axel, infatti, mi hanno conquistato sin da subito, tanto da non riuscire a non leggere il romanzo in ogni momento libero delle tre giornate che ho impiegato nel terminarlo.

Altro pregio di queste seicentosettantotto pagine sono le descrizioni: complete e ricche di metafore e similitudini. Virginia scrive come una vera e propria poetessa, altro motivo per il quale adoro il suo stile narrativo.

Ulteriori lati positivi? Ho adorato l’uso del latino e la divisione dei capitoli, i quali sono spezzettati in più parti, e la cosa rende molto più comoda la lettura, dato che si tratta di un tomo dalla mole molto corposa.

Ora invece passiamo ai difetti che sono principalmente solo due: ci sono troppi personaggi “terziari”, quasi emarginali, che in alcuni casi ricoprono i personaggi secondari e primari (vogliamo parlare della ventina di membri della famiglia Granville? Io ci ho fatto un po' di confusione), e a volte, nella lettura, ho perso il filo del discorso. Mio malgrado, però, credo che ciò bisogna attribuirlo proprio alle descrizioni. So che mi sto contraddicendo, ma vi spiego subito: a volte erano così splendide, che persino quando terminavano io continuavo a rimuginarci su, perdendo il filo conduttore della trama (non so se sia proprio un difetto questo).

Comunque, infine, Black Friars. L'ordine della spada è un romanzo molto carino. Vi consiglio vivamente di acquistarlo, nonostante i 19,50 euro, perché ne vale davvero la pena.



Virginia de Winter
  Black Friars
    1. Black Friars. L’ordine della spada, 2010 
    2. Black Friars. L’ordine della chiave, 2011, prequel
    3. Black Friars. L’ordine della penna, 2012 (qui, la mia recensione)
    + almeno un altro a seguire


Consigliato a chi ama il genere, ma non a chi non piacciono le storie lunghe.


Voto: 5 -


P.S.: Attendo il seguito/prequel.


Virginia de Winter

Meglio conosciuta in rete come Savannah, Virginia de Winter ama poco parlare di sé, lasciando agli altri la libertà d’immaginare chi sia. Tra un libro e una fan fiction si gode il sushi e la compagnia di sua sorella, mentre ascolta metal operistico o ammira gli eleganti volteggi del suo pattinatore preferito.

2 commenti:

  1. Possiedo questo libro, ma ancora non l'ho letto. Dopo aver letto la tua recensione non vedo l'ora di cominciarlo! :D

    RispondiElimina
  2. Leggilo perché è wow! Ahahahha

    RispondiElimina