venerdì 16 marzo 2012

Recensione: Il principe vampiro. Attrazione fatale di Christine Feehan

Ciao a tutti!

Bentornati sul Blog “Gocce d’inchiostro”! Quest’oggi prenderemo in esame un romanzo giunto in Italia ormai da un po’, e di cui, proprio in questi giorni, sto leggendo il seguito.

Rullo di tamburi!

Vivono intorno a noi. Si nutrono del nostro sangue. Sono creature dolci e feroci.
Sono i Carpaziani. 



Titolo: Il principe vampiro. Attrazione fatale
Autore: Christine Feehan
Titolo originale: Dark Prince
C. E.: Newton Compton Editore
Prezzo: 9.90 euro
Pagine: 407
Genere: Urban Fantasy Adult

Trama: Mikhail Dubrinsky è un principe carpaziano vissuto a lungo nelle tenebre desideroso di sangue. Per riuscire a domare l’istinto che lo trasformerebbe in un crudele vampiro, deve trovare la sua metà, una compagna che illumini il buio in cui vive e lo aiuti a perpetuare la sua specie. Raven Whitney è la donna che aspetta: dolce, forte, incredibilmente sexy e sensitiva. Quando si incontrano, il principe capisce che deve possederla e trasformarla in una carpaziana, per vivere felici in eterno. Ma intanto un gruppo di fanatici cacciatori di vampiri vuole far strage di tutte le creature non umane e un vampiro traditore, che uccide i mortali e minaccia i suoi simili, è tornato all’attacco. Mikhail deve così difendere i suoi sudditi e proteggere la sua anima gemella da oscure forze di cui lei non sospetta neanche lontanamente l’esistenza.


La mia opinione

Il principe vampiro. Attrazione fatale è il primo romanzo della lunga serie (al momento giunta negli USA al ventiduesimo romanzo) incentrata sulla figura sovrannaturale dei Carpaziani, scritta e ideata dalla pluripremiata, nonché molto amata, autrice Christine Feehan, affermatasi nel panorama letterario Urban Fantasy internazionale proprio grazie a questa saga (Dark Series).

Ma di cosa narra Il principe vampiro. Attrazione fatale?

Cover US
I protagonisti del romanzo sono Raven e Mikhail. Raven è la classica americana che decide, di punto in bianco, di trascorrere un po’ di tempo da sola, in un luogo lontano da casa sua, per rilassarsi. E quale posto migliore se non i Carpazi? Quando Raven giunge a destinazione, però, non sa che qualcuno la sta seguendo, e che, soprattutto, qualcuno l’ha notata. Si tratta di Mikhail Dubrinsky, il principe dei Carpaziani. E guarda caso, Mikhail è proprio alla ricerca della sua anima gemella, visto che se non riuscisse a trovarla in tempo, potrebbe tramutarsi in un crudele vampiro. Ma nel frattempo una cerchia di cacciatori di vampiri sta cercando di sterminare ogni essere sovrannaturale presente sulla faccia della Terra, così Mikhail sarà costretto a proteggere i suoi simili. Ma riuscirà anche a tenere al sicuro, nel contempo, la sua anima gemella? E sboccerà mai un amore tra Raven e Mikhail?

Be’, di certo questo plot narrativo è una vera e propria calamita per gli amanti del genere letterario Urban Fantasy. Vampiri, cacciatori di vampiri e anime gemelle sono infatti un trinomio perfetto.

Inizio col dire che Christine Feehan ha una penna molto particolare. Ieri pomeriggio, in occasione di questa recensione, sin dal momento in cui mi sono tuffato nella lettura di Il principe vampiro. Desiderio (secondo romanzo della serie), ho cominciato a cercare l’aggettivo che più degli altri potesse esprimere il suo stile narrativo: la scrittura della Feehan è molto, davvero tanto, densa. Già, densa. Nulla di più, nulla di meno. Si tratta infatti di uno stile maturo, preciso e carico di descrizioni. Devo comunque ammettere, però, che ne Il principe vampiro. Attrazione fatale, la narrazione pare leggermente incerta. Mi spiego meglio. In alcuni punti l’autrice mostra al lettore ogni minimo particolare riguardante le emozioni e le sensazioni provate dai suoi personaggi, oppure descrive minuziosamente gli scenari della storia, rendendo la lettura dettagliata e prolissa al punto giusto; in altre parti, invece, pare come se il ritmo della narrazione accelerasse, tralasciando alcune minuzie che, se esplicitate, avrebbero reso il libro più completo. Ci tengo comunque a dire che ciò è dovuto dal fatto che Il principe vampiro. Attrazione fatale è la prima fatica di Christine. Una prima fatica davvero promettente, comunque.

Per quanto concerne i personaggi, invece, devo proprio ammettere che la Feehan è stata molto abile nel saper ridurre al massimo la distanza tra il lettore e i due protagonisti, i quali, a seconda dei gusti, potrebbero risultare simpatici o meno. Personalmente ho preferito Raven a Mikhail, soprattutto perché Mikhail, in parecchie parti, ha degli atteggiamenti strani, quasi infantili, che, non posso nascondere, mi hanno fatto più volte storcere il naso. La situazione cambia, però, se decidiamo di prendere in analisi i personaggi secondari del libro: ognuno di loro, in effetti, pare affascinante e quindi, sapendo che nei prossimi volumi i personaggi principali verranno alternati di volta in volta, l'autrice ha saputo ben incuriosire i lettori, convincendoli a continuare la serie.

Molto ben articolata, poi, la mitologia dei Carpaziani: la parte migliore de Il principe vampiro. Attrazione fatale viene infatti costituita dalle ultime pagine del tomo, pagine in cui si viene posti faccia a faccia con il vero mondo dei Carpaziani. Un mondo crudo, violento e spietato. Un mondo che non potrebbe non piacervi.

Davvero belle, infine, le ambientazioni. Poco fa leggevo on-line che, al livello generale, la particolarità più apprezzata della Feehan è quella di saper illustrare egregiamente ai lettori i luoghi in cui si sviluppano le vicende da lei raccontate. E non posso che essere d’accordo con quest’affermazione, anche se sono solo al suo primo romanzo. Le atmosfere de Il principe vampiro. Attrazione fatale, infatti, mi sono risultate vivide come poche altre. Ecco, quindi, un pieno punto a favore per il libro.

Infine posso dire che, tra un difettuccio e un altro, Il principe vampiro. Attrazione fatale è una lettura piacevole, quasi mai noiosa, che non può assolutamente mancare fra gli scaffali delle librerie degli amanti del genere letterario Urban Fantasy per adulti.


Christine Feehan
Dark Series
  1. Il principe vampiro. Attrazione fatale, 2010 (Dark Prince, 1999)
  2. Il principe vampiro. Desiderio, 2011 (Dark Desire, 1999) qui, la mia recensione
  3. Il principe vampiro. L’oro nero, 2011 (Dark Gold, 2000) qui, la mia recensione
  4. Il principe vampiro. Magia nera, 2011 (Dark Magic, 2000)
  5. Il principe vampiro. Metamorfosi, 2012 (Dark Challenge, 2000)
  6. inedito in Italia (Dark Fire, 2001)
  7. inedito in Italia (Dark Dream/Dark Dreamers, 2001)
  8. inedito in Italia (Dark Legend, 2002)
  9. inedito in Italia (Dark Guardian, 2002)
  10. inedito in Italia (Dark Symphony, 2003)
  11. inedito in Italia (Dark Descent, 2003)
  12. inedito in Italia (Dark Melody, 2003)
  13. inedito in Italia (Dark Destiny, 2004)
  14. inedito in Italia (Dark Hunger, 2004)
  15. inedito in Italia (Dark Secret, 2005)
  16. inedito in Italia (Dark Demon, 2006)
  17. inedito in Italia (Dark Celebration, 2006)
  18. inedito in Italia (Dark Possession, 2007)
  19. inedito in Italia (Dark Curse, 2008)
  20. inedito in Italia (Dark Slayer, 2009)
  21. inedito in Italia (Dark Peril, 2010)
  22. inedito in Italia (Dark Predator, 2011)
  +.   altri romanzi a seguire


Consigliato agli amanti del genere.
Non potete lasciarvelo sfuggire.


Voto:  4


Christine Feehan

Christine Feehan è una scrittrice a tempo pieno e ha all’attivo oltre 40 romanzi. Ha vinto numerosi premi ed è stata più volte ai vertici delle classifiche di vendita degli Stati Uniti. Con la saga Il principe vampiro (di cui la Newton Compton ha pubblicato Attrazione fatale, Desiderio, L’oro nero, Magia nera e La metamorfosi) ha ottenuto uno straordinario successo in tutto il mondo, conquistando pubblico e critica, e vincendo un gran numero di prestigiosi premi riservati alla narrativa fantasy.

3 commenti:

  1. Mmm la trama sembra interessante.. Come hai detto tu non può che attrarre gli amanti del genere. L'unica cosa che mi frena un po' è la lunghezza della serie, cioè 22 libri O.o è un numero assurdo XD fin ora la saga più lunga che conoscevo era Le cronache del ghiaccio e del fuoco (composta da 9 libri) quindi sono rimasta proprio a bocca aperta!
    Proprio per questo credo che, si lo leggero perchè mi intriga, ma non ora..

    RispondiElimina
  2. @howl, sai, anche a me, all'inizio, il fatto che la serie fosse tanto lunga mi bloccava. Poi mi sono buttato e ho comprato il primo libro che, come ho detto nella recensione, mi è piaciucchiato, e quando una serie ti piace, potrebbe anche essere composta da cento volumi, è sempre un grande piacere leggerla. E poi la cosa positiva è che ogni romanzo è fermamente autoconclusivo, e l'ordine di lettura non deve per forza essere seguito. Quindi, fossi in te, ce lo farei un pensierino :)

    RispondiElimina
  3. eheh mi stai convincendo (:

    RispondiElimina